giovedì 23 giugno 2011

In omaggio

In omaggio a mia madre e a tante donne che sono state vittime di un brutto e triste momento storico.

Quando i ricordi si faranno presenti
aprirò le braccia in croce
e mollerò l’urlo profondo
di tutte le generazioni di donne
che hanno vissuto la vita di un altro
perché a loro tutto è stato negato.

L’artista dello spolverino.
La poetessa del grembiule.
L’ingegnere privilegiata
che fece la dattilografa
prima di andare all’altare.

Non si è mai fatto il censimento
di tutte le casalinghe
che non avrebbero dovuto essere
anonime.


Teresa Guiluz. Tradotto dall catalano in italiano.

5 commenti:

  1. che brava! commovente e profonda.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Un inno breve, efficace, duro e tenero alle donne, a tutte le donne che sostengono il mondo. Se mai questo censimento un giorno si farà, l'uomo dovrà nascondersi dalla vergogna. Un abbraccio (Giovanni Pistoia)

    RispondiElimina
  3. Grazie a tutti. È soltanto una piccola contribuzione al cammino che porta al meritato riconoscimento della donna nella nostra società. Tanti cari saluti.

    RispondiElimina
  4. Stupendo riconoscimento a tutte le donne!!

    RispondiElimina