martedì 9 ottobre 2012

E sono ormai passati tre anni...



Tre anni fa sono entrata all'Istituto Italiano di Cultura di Barcellona per la prima volta. Ricordo che ero un po' nervosa però soprattutto emozionata. Il mio sogno nel cassetto stava per diventare realtà. L'insegante aspettava gli alunni alla porta dell'aula e gli dava il benvenuto. A quel momento non sapevo nemmeno che nel presentarsi gli italiani dicono "piacere". Figuratevi!! Sono passati tre anni e il bilancio è più che positivo. La vostra lingua non mi ha delusa, anzi mi ha datto più di quanto ne avrei aspettato. Non potevo immaginare che nel passare di questi anni avrei un blog, né che avrei conosciuto tante belle persone, addirittura di persona, né che sarei andata in Italia tante volte, né che avrei avuto tante esperienze soddisfacenti... Sono cosciente che ci sono errori nei miei scritti, ma mi piace sapere che sono tante le cose che potrò ancora imparare. Insomma, mi sento fortunata e oggi voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato in questo percorso meraviglioso. Inanzittutto la mia cara amica e collega Júlia con cui ho condiviso tante emozioni che soltanto io e lei conosciamo. E anche la mia amica Nati senza la quale faccio fatica a immaginare il Bel Paese. Poi Federico, Nadia, Nicoletta, Luciano e Ada, i miei insegnanti a Barcellona; Piero, Filomena e Luisa, gli insegnanti di Roma, e le carissime Sara e Marianna con cui le lezioni di italiano a Verona sono state un vero e proprio piacere. Ringrazio anche Manuela, Debora e Federica per la loro compagnia, per dedicarmi il loro tempo quando sono stata nelle loro città, per la loro ospitalità. E alla fine, ringrazio tutti voi, i pazienti lettori di questo blog, che con i vostri commenti mi incoraggiate a continuare avanti sempre. Grazie, semplicemente grazie. Un bacione per tutti.

24 commenti:

  1. Se ci sono errori nei tuoi scritti, io non me ne sono mai accorta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei molto gentile, invece ci sono te lo assicuro ;)
      Un abbraccio.

      Elimina
  2. è bello leggerti!
    e poi seguendo il tuo blog ho ritirato fuori un sogno dal cassetto e l'ho realizzato: il patchwork!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è un piacere risentirti! Sono felice del mio contributo a fare realtà il tuo sogno nel cassetto. Io invece in questo periodo non ho tempo per il patchwork :( Magari nel futuro potrò riprenderlo!

      Elimina
  3. carissima, tutto questo lo devi a te stessa, alla tua passione, alla determinazione che dimostri sempre.
    Io sono felicissima di tutto questo,altrimenti non ti avrei mai conosciuta!! ed ho avuto la fortuna di farlo anche di persona
    Ti voglio bene cara Teresa...ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho parole, Debora. Non è che sia una gara però credo che io sono ancor più fortunata di te ;) Grazie, cara. Magari l'abbraccio fosse reale e non virtuale. Mi manca ogni tanto una chiachierata con te... Anch'io ti voglio bene.

      Elimina
  4. Un bacione a te! Sei bravissima, davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Eu! Con te ho imparato a ridere in italiano ;)

      Elimina
  5. Solo tre anni e sai l'italiano come madre lingua?sei davvero fenomenale e anch'io ho avuto la fortuna di conoscerti di persona e parlare con te per sentire la passione e l'impegno che metti in questa avventura!:-) un bacione grosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede, cara, come madrelingua no per carità! Però è vero che in quei giorni vissuti con te e la tua famiglia ho imparato un sacco di cose che non si imparano in un'aula. Grazie di cuore. Un abbraccio di cucina ;)

      Elimina
  6. Brava Teresa, io ti prendo come esempio, prima o poi avrò anche io un blog in tedesco! Per ora mi accontento di qualche scritto ogni tanto.
    Eppure quando dici che adori l'italiano ti capisco in pieno, perché anche io l'adoro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bello sentirsi fiero della propria lingua e del proprio paese. Soltanto dall'amore delle nostre cose riusciamo a volere bene anche altre realtà. Anche tu sei molto brava e anche se io non capisco un c... di tedesco, fammi sapere quando avrai il blog, mi raccomando, non posso mancarci! Un forte abbraccio.

      Elimina
  7. Mi ha commosso il tuo post e ti auguro tanta felicità e soddisfazione professionale! Sei bravissima e vedrai che i tuoi scritti diventeranno perfetti!! Auguroni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara. A me commuove il tuo ottimismo ;) Non so se diventeranno perfetti però almeno proverò di migliorarli giorno dietro giorno. Ti abbraccio forte.

      Elimina
  8. Ciao Teresa finalmente sono riuscita ad entrare nel tuo blog, mi complimento con te per il tuo italiano, ti ringrazio per le visite su albaincucina, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Alba. E io ti ringrazio per lentue ricette prelibate! A presto.

      Elimina
  9. Hai una forza unica Teresa, il tuo Italiano è stupefacente, sei bravissima e si sente chiaramente la passione che metti in tutto questo tuo sogno diventato realtà!
    Io so pochissime parole di spagnolo...e chissà, sarebbe bello impararlo!
    Grazie a te per questo post e per il tuo blog e per la tua amicizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Cristina! Hai ragione: è la mia passione!! Ti ho mai detto che io sono madrelingua catalana? Per coloro che non abbiamo il castigliano come lingua famigliare lo impariamo a scuola come se fosse una lingua straniera, anche se ovviamente tutte e due convivono nella società. Penso che in questi ultimi giorni si parli spesso della Catalogna anche all'estero. Un forte abbraccio.

      Elimina
  10. Come vola il tempo, vero? Credo che per te sia una bella esperienza e, credimi, lo è anche per chi ti legge. Il tuo entusiasmo e la tua voglia di fare sono contagiosi. Ps. poi mi fai sapere com'è il libro che stai leggendo? Mi incuriosisce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere contagiare cose positive! Quando avrò finito il libro ti farò sapere, ci mancherebbe altro! Un bacione.

      Elimina
  11. Ciao Teresa (hai lo stesso noem della mia bimba, bellisismo nome!)
    Oggi passavo giusto di qui dopo aver visto il tuo nome nel blog di Elle e così ho letto la tua storia degli ultimi tre anni in questo post....
    beh, sono lieta che l'Italia e l'italiano ti piacciano, io ho provato con il catalano qualche anno fa, ma il mio insegnante di Buenos Aires era deludente, così mi è rimasta la voglia di spagnolo! Olè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, benvenuta. Sì, anch'io lo trovo un nome molto bello e anche mia mamma si chiama così.
      Mannaggia questo insegnante!! Il catalano è bellissimo e assomiglia tantissimo all'italiano. Magari potrai provarlo qualche altra volta. A presto.

      Elimina
  12. Cosa?!? Studi l'italiano da 3 anni?!?! Ma io pensavo che ti dedicassi alla nostra lingua da anni, anni e anni, anzi, decenni!!! Fantastica! Quando sei in classe c'è un sacco di energia, perchè sei uno stimolo continuo per l'insegnante e il tuo entusiasmo riempie l'aula (e mi sei di conforto anche quando mi assale la paura pre-parto: quando mi viene, penso sempre ai tuoi racconti di 3 figli nati in tutta serenità.)
    Grazie!

    Sara

    RispondiElimina
  13. Come?!? Non te l'avevo mai detto?? E invece sì, carissima Sara. Se potessimo condividere più ore di lezioni... Se potessi esserti accanto in questo periodo fantastico... Boh, infatti ci sono perché scambiamo mail, perché tu mi pensi e perché ogni tanto io releggo gli appunti d'estate e i testi proposti da te. Il ricordo mi fa sorridere di felicità. Spero vada tutto benissimo. Non esitare a chiedermi consiglio se necessario. Un bacione!

    RispondiElimina